Archives

now browsing by author

 

Pasqua e Primavera – Speciale Benessere

pasqua terme

Pasqua e Primavera alle Terme

 

Le acque sulfuree e salsobromoiodiche delle Terme dell’Emilia Romagna, che derivano da sorgenti naturali millenarie, ricche di elementi essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo rappresentano un mix perfetto di benefici per corpo e mente.

In occasione della Pasqua e dei ponti di primavera, perché non ritagliarsi una pausa rigenerante e dedicarsi alla propria salute?

Farlo è semplice! E’ sufficiente collegarsi a www.termemiliaromagna.it per scegliere tra numerose proposte, personalizzate per ogni esigenza e pensate esclusivamente per prendersi cura della propria salute e rigenerare la forma fisica e quella spirituale.

Vieni a scoprire le proposte week end o di qualche giorno dedicate alla primavera 

San Valentino alle Terme

sanvalentino

La Festa degli innamorati è l’occasione per un week end alle Terme, dove vivere  momenti di intenso relax, abbandonando la routine quotidiana e ritrovare l’armonia senza dimenticare l’attenzione alla propria salute e al proprio benessere.

Scopri le fantastiche offerte delle Terme dell’Emilia Romagna

Ti aspettiamo!

 

 

Dicembre: alle Terme è tempo di Feste e benessere

natale2015

Ponte dell’Immacolata, Natale, Capodanno, Epifania  all’insegna del benessere e della cura di sé. Le Terme dell’Emilia Romagna vi aspettano per un momento rigenerante: online le proposte pensate per voi!

Dicembre è arrivato ed anche nel 2015 il Natale si riconferma la festa più importante dell’anno.

Preceduti dall’Immacolata, seguiti da Capodanno ed Epifania, i momenti vicini al Natale custodiscono un alone magico; la stessa magia che risveglia la voglia di un momento da dedicare a se stessi e a chi ci sta accanto.

Un insieme di istanti, luoghi e spazi speciali per completare un anno con una parentesi rilassante, benefica e curativa, per affrontare con energia e benessere il 2016.

Per questo le Terme dell’Emilia Romagna hanno pensato ad un sezione appositamente dedicata alle festività di fine anno su www.termemiliaromagna.it.

Basta cliccare su “Dicembre, Natale e Capodanno Speciale Benessere 2015-2016” per scoprire tutte le iniziative che le Terme dell’Emilia Romagna hanno formulato per i propri clienti: dagli ingressi giornalieri, alle proposte articolate in più giorni, per regalarsi o regalare ai propri cari momenti di sollievo dalla frenesia quotidiana e dedicarsi finalmente alla propria salute.

COTER srl

Prepararsi all’inverno: prevenzione alle Terme

Aerosol

Con l’arrivo della stagione fredda aumenta sensibilmente la probabilità di contrarre disturbi a carico delle vie aeree; ciò accade soprattutto perché le basse temperature e gli alti tassi di umidità dell’aria diminuiscono le difese delle vie aeree aumentando nel contempo la contagiosità dei microrganismi.

I bimbi, gli anziani ed i portatori di patologie croniche sono le categorie più a rischio in quanto con difese respiratorie immature o ridotte. Vi sono poi caratteristiche individuali che rendono alcuni soggetti quasi immuni da tali disturbi (meno di un episodio negli ultimi 5 anni) ed altre che predispongono a tali affezioni (numerosi episodi all’anno).

 

I disturbi più frequenti sono senza dubbio a carico del naso (riniti con sinusiti e otiti come possibili complicanze) e della gola (faringiti e meno frequentemente laringiti) ma anche l’interessamento bronchiale è piuttosto frequente; più rare, fortunatamente, le broncopolmoniti.

Nel caso di forme virali, nettamente più frequenti rispetto alle batteriche, non esiste un trattamento specifico, ma solo sintomatico, volto cioè a ridurre i sintomi ma che non modifica il decorso dell’affezione.

In considerazione di quanto sopra quindi è importante l’utilizzo dei mezzi in grado di prevenire le affezioni respiratorie. Tra questi la terapia termale rappresenta una interessante opportunità in quanto naturale e praticamente priva di effetti collaterali.

Le acque maggiormente utilizzate sono, in ordine di importanza, le sulfuree, le salsobromoiodiche e le solfate. Le prime (sulfuree) ed in minor misura le solfate agiscono attraverso un miglioramento delle difese meccaniche, biologiche ed immunologiche locali delle vie aeree; questo effetto si ottiene soprattutto migliorando lo stato delle cellule che compongono la mucosa delle vie aeree, cioè la struttura che le riveste internamente e che è alla base delle difese locali.

Le acqua salsobromoiodiche, oltre all’effetto battericida ed antinfiammatorio locale, possiedono anche effetti generali di stimolo sul sistema endocrino-immunologico.

Diversi studi scientifici hanno evidenziato, sia negli adulti che nei bambini, che i cicli termali con le suddette acque riducono la frequenza delle infezioni respiratorie con conseguente minor utilizzo di farmaci e minor perdita di giorni lavorativi e scolastici.

I cicli termali finalizzati alla prevenzione delle malattie da raffreddamento vanno preferibilmente effettuati nella stagione autunnale, utilizzando tecniche inalatorie diversificate e personalizzate a seconda del distretto da raggiungere.

Se tutti possono sottoporsi alle cure termali, è chiaro che sussiste maggiore indicazione per coloro che sono più soggetti alle forme da raffreddamento durante la stagione fredda.

I cicli termali hanno una durata media di 12 giorni e possono essere effettuati in regime di convenzione con il SSN semplicemente  presentando al centro termale la prescrizione del medico o pediatra di base.

Flavio Strinati
Medico Specialista Malattie Apparato Respiratorio

 

Le cure termali in convenzione con il ssn

Patologie delle vie respiratorie superiori (naso-gola)

Riniti vasomotorie; Sinusiti cr., Faringolaringiti cr.

  • Ciclo di 24 cure inalatorie (aerosol, inalazioni a getto diretto, humage, nebulizzazioni)

Patologie delle vie respiratorie
Sindromi rinosinusobronchiali cr.; Bronchiti cr. semplici o accompagnate da componente

ostruttiva (ad esclusione dell’asma e dell’enfisema avanzato, complicato da insuff. respiratoria grave o da cuore polmone cr.)

  • Ciclo di 24 cure inalatorie • Ciclo Integrato della Ventilazione Polmonare (12 Ventilazioni Polmonari e 18 cure inalatorie)

Patologie dell’orecchio

Stenosi Tubariche, Otiti catarrali cr., Otiti cr. purulente non coleasteatomatose

  • Ciclo di cura per la Sordità Rinogena (12 insufflazioni/politzer + 12 cure inalatorie)

 

Riabilitazione alle Terme e migliora la vita!

riabilitazione

RIABILITAZIONE TERMALE
Percorsi riabilitativi e di attività motoria per il recupero di una migliore qualità della vita

 

 

In una società che non consente soste, una riabilitazione rapida ed efficace dopo un intervento chirurgico o un trauma è diventata un’esigenza indispensabile. Il veloce ritorno alla vita attiva di ogni paziente è l’obiettivo che si pone la moderna fisioterapia ed in particolare la Riabilitazione Termale che sfrutta al meglio l’integrazione fra mezzi di cura termali e terapia fisica.

La Fisioterapia Integrata è una moderna modalità riabilitativa già oggetto di studio e di attenzione da parte del mondo scientifico nazionale ed internazionale. Applicata in ambito termale, si è dimostrata efficace grazie all’azione combinata dei più moderni trattamenti fisioterapici con i preziosi ed esclusivi benefici dell’idrochinesiterapia in acqua termale e consente di raggiungere, per ogni paziente, la guarigione completa e il più alto livello di qualità di vita nel minor tempo e nel miglior modo possibile.

Per attuare programmi  è necessario uno staff riabilitativo di elevata professionalità: un’equipe di medici specialisti, fisioterapisti, osteopati e massofisioterapisti, che garantisca a ciascun paziente percorsi riabilitativi personalizzati.

Ponendo la persona al centro dell’attenzione, sfrutta appieno anche i cofattori derivanti dall’ambiente termale che favoriscono il relax, la concentrazione e garantiscono ad ogni paziente un soggiorno confortevole in una struttura sanitariamente garantita e migliorano la percezione della qualità di vita raggiunta dal paziente.

La moderna Riabilitazione Termale, con l’utilizzo della Fisioterapia Integrata consente di ottenere i massimi risultati sia nei pazienti che soffrono dei diffusissimi reumatismi articolari quali l’artrosi, sia in coloro che hanno subito traumi all’apparato muscolo-scheletrico o interventi chirurgici di natura ortopedica.

In particolare gli sportivi, grazie a programmi riabilitativi specifici che riducono al minimo i tempi di recupero e che prevedono anche un percorso di riatletizzazione per il potenziamento della forza e della resistenza muscolare, possono raggiungere un ottimale ritorno a prestazioni di alto livello. Parallelamente uno studio sulla fangoterapia ha evidenziato il miglioramento degli indici patologici dell’artrosi quali il dolore, la funzionalità articolare e lo stato di benessere fisico e psichico dei pazienti, con un’azione simile a quanto avviene con l’esercizio di attività fisica intensa e costante.

Tutto ciò risulta essere in linea con quanto auspicato dal Ministero della Salute circa l’efficacia preventiva dell’esercizio fisico eseguito in modo controllato attraverso idonee modalità organizzative.

Le Terme, dove l’accoglienza si è trasformata in un’arte, sono diventate oggi anche il luogo ideale in cui trovare tutte le condizioni per raccogliere le energie e raggiungere i massimi obiettivi di prevenzione e mantenimento dell’ efficienza fisica con metodi rapidi e completi.

 

Dr. Marco Conti
Specialista in Fisioterapia e in Idrologia Medica

Soffri di Reumatismi?

reumat

Con il termine REUMATISMI si identificano i sintomi ed i segni clinici correlati alle malattie osteoarticolari   e dei tessuti  connettivi. I cambi di stagione e le variazioni climatiche spesso ne esacerbano le manifestazioni cliniche.

Essi comprendono una serie numerosa di patologie, alcune delle quali possono trarre giovamento e vantaggi da trattamenti effettuabili presso le Terme dell’Emilia Romagna.

Tra queste patologie vanno ricordate:

  • osteoartrosi: malattie articolari assai frequenti nelle persone adulte e anziane, dovute ad alterazioni delle cartilagini articolari;
  • artriti: dovute all’infiammazione delle guaine tendinee e delle membrane sinoviali-articolari;
  • reumatismi extra-articolari che interessano prevalentemente tendini e  muscoli;
  • artropatie dismetaboliche e da  microcristalli, causate più frequentemente da deposito di urato monosodico (gotta), di pirofosfato di calcio (condrocalcinosi)  ;
  • osteoporosi;
  • postumi di traumi, anche derivanti da attività sportiva ;
  • sequele di interventi chirurgici ortopedici.

 

La terapia farmacologica tradizionale delle patologie reumatiche può  trovare un supporto importante, in termini alternativi o di riduzione dell’assunzione di farmaci, da appropriati trattamenti con le acque delle Terme dell’Emilia Romagna.

Alcune patologie reumatiche possono avvalersi della terapia con acque salsobromoiodiche .

Sono, infatti, acque minerali originariamente fredde e ipertoniche che drenano i liquidi dai tessuti profondi  a quelli superficiali, rimuovendo in tal modo edemi e essudati.

Presso le Terme dell’Emilia Romagna è possibile trattare talune patologie reumatiche mediante fangobalneoterapia.

Il fango termale può essere utilizzato nella terapia di patologie osteoarticolari come artrosi, artriti, traumi da fratture, periartriti, come supporto al bagno  poiché aumenta l’azione analgesica e antinfiammatoria dell’acqua, favorendo il miglioramento della funzione motoria degli arti e della colonna vertebrale.

La balneoterapia in particolare quella salsobromoiodica è  indicata nelle patologie infiammatorie croniche dell’apparato osteoarticolare, in particolare artrosi ed osteoporosi.

I cicli di cura hanno una durata media, per essere efficaci, di 12 – 15 giorni.

Nella terapia dei “reumatismi” presso le Terme dell’Emilia Romagna è possibile far ricorso anche alla antroterapia nelle grotte, che possono essere umide  per la presenza di vapori emanati dalle sorgenti di acqua minerale ad elevata temperatura, o secche se emanano soltanto calore. Nelle patologie osteoarticolari, l’antroterapia esercita azione analgesica e  decontratturante.

Anche la coxartrosi  può essere trattata con cicli di bagni con l’aggiunta di fanghi, nella  sede dell’artrosi d’anca, e di sedute di idrokinesiterapia in acqua salsobromoiodica.

I trattamenti delle patologie reumatiche presso le Terme dell’Emilia Romagna trovano  indicazione in quanto possono esplicare azione sia  preventiva, che  terapeutica e riabilitativa. Le cure termali sono infatti riconosciute nei Livelli Essenziali di Assistenza e sono pertanto prescrivibili dal Medico di Medicina Generale a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

 

Prof. Roberto Delsignore.

Già Ordinario di Medicina Interna e

Direttore Scuola di Specializzazione in Idrologia Medica, Università di Parma.

Presidente del Collegio del Collegio di Consulenza Medico Scientifica del COTER

 

In convenzione col Servizio Sanitario Nazionale:

MALATTIE ARTROREUMATICHE  diagnosi

  • Osteoartrosi ed altre forme degenerative
  • Reumatismi extra articolari

 

Ciclo di Cura

  •      Ciclo di Fango e bagno terapeutico
  •  Ciclo di Bagni
  •  Ciclo di Grotte

 

Vacanze alle Terme: benessere per il corpo e per la mente

estate

“Non c’è ricchezza migliore della salute del corpo. Non c’è contentezza al di sopra della gioia del cuore.” (Siracide, 30, 16)

In tempi di medicina iperscientifica e regolata, forse troppo, dai principi della EBM (Evidence Based Medicine), è possibile porre una domanda, così apparentemente astratta, quale: Cos’è davvero il benessere?

Ma se pensiamo che nessuna Società ha esaltato il benessere quanto quella moderna, in tutti i suoi aspetti (materiali, socio-politici, psicologici, spiritual e culturali), il quesito diventa, allora, più concreto.

Inoltre, “star bene” non sempre significa “sentirsi bene” (Scarcella 2010), da qui l’insufficienza degli indicatori tradizionali per descrivere lo stato di salute di una popolazione oltre che dell’individuo.

Il concetto di benessere quindi si allarga da una visione esclusivamente soggettiva a una dimensione di uno spazio sociale, frutto di un processo d’interazione e mutua influenza tra benessere individuale e comunitario (Pizzi, Provasi 2010).

Pertanto, se l’autorevole British Medical Journal propone (2011) la nuova definizione di salute come “capacità di adattamento e di autogestirsi di fronte alle sfide sociali, fisiche ed emotive” rispetto a quella classica dell’OMS di “completo benessere, fisico, mentale e sociale” oggi si richiede anche  un tentativo di approfondimento del concetto di benessere. Anche in considerazione delle esigenze di una medicina sempre più personalizzata. Benessere, quindi, non solo del corpo, ma anche della mente.

Colui che sa questo e che, malgrado ciò, continua a non prestare, o peggio “dimenticare”, attenzione al proprio corpo, affaticandolo e aggredendolo, non attenta soltanto alla sua integrità; disturba in questo modo anche le sottili risonanze e le armonie necessarie tra il fisico e la psiche; finisce, alla fine, per mortificare la propria persona.

In questo senso i percorsi terapeutici e spontanei di una giornata alle Thermae e nei loro territori, inseriti e guidati dalle moderne conoscenze scientifiche mediche integrate dell’idroterapia, climatoterapia, delle medicine complementari (agopuntura, omeopatia, fitoterapia), delle ginnastiche mediche e delle tecniche di rilassamento, sono lo strumento ideale.

Il soggiorno Termale inteso non come fuga dalla realtà, ma come occasione per conoscersi, accettarsi e gestirsi, per stimarsi e amarsi di più.

I comprensori termali dell’Emilia e Romagna con le loro risorse e strutture terapeutiche di ottimo livello, anche per  la formazione di operatori e medici, ubicate in territori   ricchi di risorse ambientali e umane ( dall’arte all’enogastronomia e dalle colline fino al mare), costituiscono una proposta di indubbio valore ed eccellenza per promuovere una vera “cultura del benessere”.

Pertanto, un soggiorno spontaneo o prescritto dal medico, trova,  in tale territori la migliore possibilità di esemplificazione di un metodo  per ritrovare e proporre percorsi che le Medicine tradizionali e quella Ippocratica avevano a loro fondamento e che abbiamo, in parte, perduto. In conclusione: benessere: mito o realtà?  La risposta solo dopo essere stati alle Terme dell’ Emilia e Romagna!

Prof.Umberto Solimene
Presidente FEMTEC (Wordwide Federation Hidrotherapy and Climatotherapy)

Gambe leggere con le acque termali

aaapvasc

Le patologie vascolari, ed in particolar modo quella venosa, sono particolarmente frequenti nella nostra società e tendono a colpire soprattutto le donne.

In molte di queste patologie, la terapia termale costituisce un presidio irrinunciabile. I mezzi termali a disposizione sono i percorsi vascolari ed i bagni in vasca con idromassaggio, idrobolle ed ozono, entrambi effettuati con le acque termali, ossia con acque aventi proprietà farmacologiche dimostrate da studi clinici.

Gi effetti biologici sono molteplici e legati al tipo di acqua utilizzata. Negli Stabilimenti Termali della nostra regione le  acque più diffuse sono le  salsobromojodiche e le solfuree.

Effetti biologici delle  acque salsobromoiodiche:

  • azione antinfiammatoria che compare dopo pochi giorni dall’ inizio del ciclo e si mantiene nei mesi successivi
  • azione antisettica legata alla presenza di cloro, bromo e iodio
  • azione antiedemigena e risolvente.
  • azione sedativa a livello centrale promossa dal bromo
  • stimolazione delle produzione di numerosi ormoni, tra cui le betaendorfine

La diminuzione dei fenomeni flogistici, l’azione favorente l’elimininazione di tossine e liquidi in eccesso, la regolazione di meccanismi ormonali che possono causare ritenzione idrica sono fattori importanti nel trattamento  delle patologie vascolari.

Effetti biologici delle  acque sulfuree:

  • azione cheratoplastica e cheratolitica
  • azione antisettica e antiflogistica
  • stimolo alla biosintesi di collagene cicatriziale 
  • azione stimolante di vasodilatazione
  • azione di inibizione dei processi fibrotici tissutali (fondamentale nelle lesioni da ustione per prevenire la formazione di aderenze, retrazioni, ecc.)

I PERCORSI VASCOLARI

Si tratta in genere di due vasche di deambulazione a diversa temperatura (almeno 10°C tra l’una e l’altra), con idromassaggi laterali a pressione differenziata contenenti acqua termale.     Tale differenza di temperatura provoca rilassamento muscolare e vasodilatazione quando si cammina in quella più calda e vasocostrizione quando si percorre la seconda.

I BAGNI IN VASCA

Vengono eseguiti in vasche singole, con acqua sulfurea o salsobromoiodica a seconda dell’ indicazione prevalente e ad una temperatura di circa 35 – 36° C.

Nella balneoterapia in vasca è possibile associare l’ idromassaggio o il massaggio con idrobolle.

 INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Effetti importanti si ottengono nel trattamento di flebiti, non in fase acuta, nelle patologie postflebitiche, nell’ insufficienza venosa

Ottimi risultati poi si ottengono nel trattamento degli edemi da stasi nelle sofferenze del sistema venoso della donna gravida, nelle “gambe stanche” di chi assume posizioni lavorative non corrette.

Anche le dermatosi su base vascolare possono beneficiare dei trattamenti termali con acque sulfuree

Il protocollo terapeutico nella patologia venosa  prevede:

  • i camminamenti vascolari praticati per 20-30 minuti, camminando a passo normale.
  • un susseguente periodo di reazione sui lettini di 10-15 minuti con le gambe in posizione di scarico
  • durante il periodo di reazione il paziente può eseguire alcuni semplici esercizi di ginnastica di scarico con gli arti inferiori.

Al fine di rafforzare l’efficacia terapeutica del trattamento il medico potrà consigliare, a seconda del tipo di patologia, il proseguimento del trattamento con:

  • massoterapia linfodrenante
  • presso terapia
  • esercizi di ginnastica specifici nella palestra di rieducazione motoria
  • percorsi guidati nel parco termale con esercizi rieducativi

 

Dott. Furia Franco – Specialista in idrologia medica -Terme di Porretta

 

Accedere alle cure termali è molto semplice e il ciclo di  cure per le vasculopatie periferiche è anche in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. E’ sufficiente presentarsi alle Terme con la richiesta del medico di base, compilata secondo la normativa vigente

 Patologie Vascolari
Postumi di flebopatia di tipo cr., Insufficienza venosa, Varici
Ciclo di 12 bagni con  idromassaggio (più esami EGC ed ematochimici)

per approfondire:cure termali convenzionate

 

 

Alle Terme acque preziose anche per i bimbi!

bimbacureinalatorie

Alle Terme, ACQUE PREZIOSE ANCHE PER I BIMBI!

Alle Terme dell’Emilia Romagna cure inalatorie e bagni per la salute dei più piccini

 

Sempre più clienti delle terme italiane sono bambini e le cure termali rappresentano un momento importante nel trattamento di una serie di malattie molto frequenti in età pediatrica, e sul mercato del turismo dedicato alle famiglie con bambini, le proposte di soggiorni alle terme sta riscuotendo sempre un maggior successo.

In tale contesto le Terme dell’Emilia Romagna hanno negli anni raggiunto un’alta specializzazione nel trattamento termale a favore dei bambini, grazie soprattutto alle professionalità dei medici e para medici operanti nelle strutture termali ed alle specifiche caratteristiche delle acque termali di questa regione.

Numerosi studi medici pediatrici esaltano le virtù terapeutiche delle acque termali per la cura e la prevenzione di numerosi disturbi infantili legati essenzialmente alle patologie croniche o recidivanti dell’apparato respiratorio e della cute. 

Le cure inalatorie come le inalazioni a getto diretto, gli aerosol, le docce micronizzate, gli humages, le nebulizzazioni e i politzer sono tra le terapie più adatte per curare patologie dell’infanzia come la sordità rinogena, bronchiti, faringiti, riniti, sinusiti, tonsilliti e otiti croniche o ricorrenti. I preziosi oligoelementi contenuti nelle acque termali salso-bromo-iodiche, sulfuree, bicarbonate vengono a contatto con le vie respiratorie curando tutte le forme di infiammazione cronica e i processi flogistici delle mucose, aiutando efficacemente a prevenire le patologie da raffreddamento e le riacutizzazioni.

È importante altresì sottolineare che le cure inalatorie sono assolutamente indolori (quindi nessuna paura neanche per i più piccini) e in molti centri termali, per ridurre il disagio al piccolo paziente, si sono creati ambienti di cura riservati ai bambini, al fine da creare un’atmosfera giocosa, e seguiti da personale qualificato.

 

L’utilizzo dell’acqua sulfurea tramite bagni dermatologici, sono un ottimo rimedio per alleviare i disturbi della dermatite atopica, di varie forme di eczema e della psoriasi. Con la cura termale cessano i sintomi, quali il prurito, e si riducono in modo duraturo i segni delle malattie e l’uso dei farmaci quali il cortisone. Inoltre i salutari principi attivi delle sorgenti termali rafforzano il sistema immunitario dei bambini e li aiutano naturalmente a contrastare i propri disturbi fisici in un ambiente pensato anche per loro, elemento basilare per un pieno recupero della salute e del benessere psico-fisico.

L’importante è che le cure termali, per essere efficaci, vengano eseguite nella corretta fase termale, ovvero in assenza di sintomatologia acuta. Sarà la visita di ammissione fatta dal medico termale a dare l’idoneità ad iniziare la cura.

Dott. Luca Morellini – Medico Chirurgo specialista in Idrologia e in Medicina Estetica

Accedere alle cure termali è molto semplice e le cure inalatorie, il ciclo di cure per la sordità rinogena e i bagni dermatologici   sono anche in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. E’ sufficiente presentarsi alle Terme con la richiesta del medico di base, compilata secondo la normativa vigente

 

Patologie delle vie respiratorie

Riniti Vasomotorie, Sinusiti cr., Faringolaringiti cr. Sindromi rinosinusobronchiali cr.; Bronchiti cr.

  • Ciclo di 24 cure inalatorie

Patologie Dermatologiche

Psoriasi; Dermatite seborroica ricorrente; Eczema e Dermatite atopica (escluse le forme acute vescicolari ed essudative)

  • Ciclo di 12 Bagni dermatologici

 

La Notte Celeste

notte celeste200x125

Le Terme dell’Emilia Romagna festeggiano La Notte Celeste” nel week end dal 12 al 14 giugno con speciali proposte benessere per tutto il week end, e sabato 13 giugno la Notte Celeste colora  le piazze e i centri termali  con  iniziative, intrattenimenti, feste e magia!

L’evento del sistema termale dell’Emilia Romagna è organizzato dall’Unione Terme Salute e Benessere, COTER Consorzio del Circuito Termale dell’Emilia Romagna, in collaborazione con APT Servizi e coinvolge 26 Centri Termali, 19 località che si tingeranno di celeste e ospiteranno eventi, musica, intrattenimenti per i bimbi e gli adulti, da Salsomaggiore Terme fino a Riccione.

notte celestewinx

Quest’anno il weekend Celeste si arricchirà della magia delle Winx: Bloom, Flora, Stella, Aisha, Tecna e Musa sono pronte a volare sulle Terme dell’Emilia Romagna in una tre giorni di incontri magici, dolci merende, momenti di intrattenimento, laboratori creativi e il suggestivo volo di palloncini celesti.

I magici momenti insieme alle fate del Winx Club e tutte le attività in programma, coinvolgeranno anche le piazze e le strade di alcune località che saranno colorate con migliaia di palloncini bianchi e celesti.

notteceleste2
Alle 23.00 di sabato 13 giugno, tanti palloncini luminosi saranno lanciati in cielo in contemporanea da tutte le località. Un’occasione unica e imperdibile da vivere e condividere.

Sabato 13 giugno scegli la tua meta  La Notte Celeste ti aspetta!

Se vuoi dedicarti un week end benessere, scegli tra le proposte che i Centri Termali hanno dedicato alla Notte Celeste