Terme di Monticelli

monticelli1Terme di Monticelli
 43022 Monticelli  Terme PR
tel 0521.682711  n.verde 800.237759

www.termedimonticelli.it

info@termedimonticelli.it

 

 

  Print This Page Print This Page

 

 

 

 

 
Acque Termali:

Salsobromoiodica forte, Solfurea
Terme convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale : ASL INAIL INPS

Alle porte di Parma, le Terme di Monticelli sono circondate da un immenso parco secolare di 25 ettari, caratterizzandolo naturalmente come luogo ideale per il benessere e la salute.

Le Terme offrono percorsi di cure termali classiche, completi di soggiorno, percorsi di riabilitazione motoria, pacchetti benessere e beauty  personalizzati e studiati per la bellezza e il relax della coppia o individuali.

Alle Terme di Monticelli si può usufruire di sette centri specializzati, tre alberghi,  palestre, piscine termali, percorsi ginnici nel parco oltre alla nuovissima Beauty Farm  “Linea Beauty Spa” – la quinta essenza del benessere, dove scienza ed esperienza si fondono e i sogni diventano sensazioni in un percorso per rilassare i sensi.

Soggiorni e Hotel
l’accoglienza alle Terme di Monticelli è affidata al comfort 4 stelle del Best Western Hotel delle Rose**** per una vacanza di benessere elegante e moderna

L’ hotel delle Terme  3 stelle  immerso nel parco secolare delle Terme, per il massimo del relax.

Una Country House “La Quite” depandance dell’Hotel delle Terme,  graziosa e silenziosa, per soggiorni tranquilli e low coast.

Hotel Best Western delle Rose**** tel 0521 657425  www.rosehotel.it

Cure Termali in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale:

 

mont2

Bimbi in piscina termale:

le acque termali delle Terme di Monticelli  permettono l’accesso dei bimbi nelle piscine, a tutte le età.

Pacchetti Benessere in promozione 

 


mont3
 

Visualizza Pacchetti Benessere

 

Vacanze e Turismo tra Monticelli e Parma


mont4
Monticelli Terme, tra Rocche e Castelli Il Castello di Montechiarugolo Posto in situazione strategica, confinante con la strada che porta al Passo di Lagastrello verso la Toscana e la Liguria. Il castello di proprietà della Famiglia Marchi dal 1806, ha conservato il carattere di luogo ben fortificato nonostante la pianta irregolare.

 

Monticelli Terme dista 12 kilometri da Parma, città d’arte, cultura ed eventi.
Parma è una città dallo spirito allegro e socievole, con una forte tradizione artistica e culturale, tra cui spiccano nomi di rilievo: Benedetto Antelami cui si devono il Duomo e ilBattistero, in marmo rosa di Verona, Correggio, che lavorò alla Camera di San Paolo, in San Giovanni Evangelista e in Duomo e Parmigianino che affrescò la chiesa di Santa Maria della Steccata e parti di San Giovanni.La Galleria Nazionale, posta all’interno del Palazzo della Pilotta, ospita opere di Correggio, Parmigianino, Canova, Tiepolo e Leonardo da Vinci.Anche l’architettura moderna a Parma ha un suo spazio: le opere di Renzo Piano, l’Auditorium Paganini e il Barilla Center, il meraviglioso Piazzale della Pace antistante la Pilotta, opera di Botta e la futura stazione di Bohigas sono solo alcuni degli esempi più celebri.Ma Parma è soprattutto città della musica e del teatro. Questa passione, ben oltre il binomio Parma-Verdi, si manifesta nella varietà di proposte e nelle strutture ad essa dedicate: l’Auditorium Paganini, la Casa della Musica, laCasa natale e museo Arturo Toscanini, la Casa del suono e non ultimo il Teatro Regio, che voluto da Maria Luigia e inaugurato nel 1829, resta ancora oggi uno dei teatri più rinomati al mondo.
Il Castello di Torrechiara

Già menzionato nel XI secolo come Torclara, il Castello di Torrechiara fu ricostruito tra il 1448 e il 1460 da Pier Maria Rossi in onore dell’amata Bianca Pellegrini, divenendo sontuosa dimora.

Il castello conserva perfettamente la sua mole di epoca tardomedievale a forma quadrata, compresa tra quattro torri e imponente cortina muraria merlata. Vi si accede tramite una lunga entrata coperta che conduce al cortile d’onore, dove è collocata la piccola chiesa di San Nicomede il cui portone è borchiato con i monogrammi di Bianca e Pier Maria.
All’interno, l’antica cucina, la stanza di Giove, del Pergolato, dei Paesaggi, della Vittoria, degli Angeli, del Velario e degli Stemmi presentano affreschi realizzati in epoca sforzesca da Cesare Baglione. Al piano superiore spicca la sala Degli Acrobati, decorata da artisti della scuola del Baglione e dal Paganino.

Particolare attenzione merita la Camera D’Oro, il cui nome deriva dalle foglie di oro zecchino che un tempo rivestivano le formelle alle pareti. La stanza conserva ancora oggi un raro ciclo di affreschi attribuito a Benedetto Bembo raffigurante scene del rituale dell’amore cavalleresco e la celebrazione del legame tra Bianca e Pier Maria. Vi si riconoscono gli stemmi dei due amati, due cuori con le frasi Digne et in aeternum (degnamente e in eterno) e Nunc et semper (ora e per sempre), a testimonianza dell’eternità del loro amore terreno. La Camera d’Oro si affaccia su un ampio loggiato realizzato a fine Quattrocento, quando il castello perse le originarie funzioni militari e si trasformò in dimora.

 La Rocca di Baganza

La rocca, che domina la piazza del paese, è appartenuta alla famiglia Sanvitale dal XIII secolo all’inizio del ‘600, quando passò ai Farnese. Dal 1676 servì come luogo di villeggiatura per gli ospiti del Collegio dei Nobili. Dell’edificio voluto da Gilberto III (1477) resta solo il lato anteriore, la cui parte superiore però è stata risistemata nel ‘700. All’interno la sala d’Ercole è stata affrescata da Orazio Samacchini al quale si deve pure il Gabinetto dei Cesari. La parte Settecentesca del castello, di proprietà privata collocata nel lato est del piano nobile, è affrescata da Sebastiano Galeotti; in altre sale vi sono paesaggi e grottesche di Cesare Baglione. La parte Cinquecentesca è di proprietà del Comune di Sala Baganza.La Rocca ospita la mostra permanente delle scultrice Jucci Ugolotti dal titolo Sacroprofano e il nuovo Museo del Vino.

Tra i boschi sorge il Casino, così chiamato in quanto venne costruito nel 1775 come punto di ritrovo per le battute di caccia della duchessa Maria Amalia alla quale è intitolata la faggeta.

Tratto da turismo comune di pama

 

 

Il Cibo: l’arte e la cultura nei piatti

 

“basta la passione, molta attenzione e l’avvezzarsi precisi: poi scegliete sempre per materia prima roba della più fine, ché questa vi farà figurare” Pellegrino Artusi.

mappaciboPR

A Monticelli  Terme, così vicini a Parma e quindi alla Food Valley, non possono mancare i prodotti di eccellenza del territorio, contrassegnati dal marchio  D.O.P della Provincia:

il Prosciutto di Parma, il culatello di Zibello, il salame strolghino, il salame di Felino, la coppa di Parma e il Parmigiano Reggiano. Inoltre i funghi di Borgotaro. 

Sono prodotti naturali conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo,che nascono in questa zona, con  cura e sapiente dedizione. Da gustare anche il Salame Strolghino e la Spalla di San Secondo.

Siamo inoltre nel “distretto del pomodoro”, con la filiera completa che va dalla produzione alla lavorazione industriale.

Alle eccellenze DOP e IGP , si unisce la tradizione del buongusto con ghiotti primi e secondi piatti, come gli anolini in brodo, e le carni bollite.

Tratto da Wine food emiliaromagna – Parma Food Valley

 

I vini DOC e IgT dei Colli di Parma che coi loro sapori e profumi accompagnano i piatti:

“Colli di Parma Rosso” ;  “Colli di Parma Malvasia”;   “Colli di Parma Sauvignon”,
“Colli di Parma Chardonnay”; “Colli di Parma Pinot Bianco”; “Colli di Parma  Pinot Grigio”;
“Colli di Parma Spumante”; “Colli di Parma Pinot Nero”; “Colli di Parma Merlot”;
“Colli di Parma Cabernet Franc”; “Colli di Parma Cabernet Sauvignon”; “Colli di Parma Barbera”; “Colli di Parma Bonarda”; “Colli di Parma Lambrusco”.

I vini a Denominazione di Origine Controllata della provincia di Parma sono tutelati dal Consorzio Volontario per la Tutela dei Vini dei Colli di Parma www.viniparma.it