Terme di Castel San Pietro

csp1Terme di Castel San Pietro
viale Terme, 1113
40024 Castel San Pietro Terme BO

tel 051 -941247    numero verde 800 213540

www.termedicastelsanpietro.it
termecsp@termedicastelsanpietro.it

 

  Print This Page Print This Page

Acque Termali: Salsobromoiodica, Solfurea.

Terme convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale : ASL INAIL INPS

Il Centro Termale è stato costruito nel lontano 1870, circondato da un grande parco, nella zona accanto al fiume, tra più recenti percorsi tracciati per passeggiate nel verde e attività sportiva, e i campi da golf.
Le Terme sono conosciute per le proprietà terapeutiche, scientificamente certificate delle acque utilizzate: salsobromoiodica e solfurea. Il Centro si è sviluppato e specializzato negli anni,offrendo oggi piani terapeutici e di diagnostica medica, assai qualificati.

L’offerta comprende tutte le cure termali classiche, convenzionate con il Servizio Sanitario Regionale, la Riabilitazione neuromotoria e respiratoria, la fisioterapia, e un reparto di cure inalatorie dedicato ai piccoli.

Quest’ultimo è un ambiente colorato e reso “artisticamente” importante dalle opere degli stessi bimbi che lavorando il fango termale hanno prodotto bellissime “opere d’arte”, conservate   in una mostra permanente.

Soggiorni e Hotel
l’accoglienza alle Terme è riservata all’Hotel delle Terme*** collegato direttamente ai reparti cure e benessere. con ampie sale per  Convegni e Meeting.

Albergo delle Terme*** tel 051.941140  www.albergodelleterme.com

 

 

Cure Termali in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale

csp2

 

Bimbi in piscina termale:

le acque termali delle Terme di Castel San Pietro  permettono l’accesso dei bimbi nelle piscine, a partire da 12 anni.

Pacchetti Benessere in promozione 

 

csp3
Programma Week End Relax
2 giorni 1 notte € 155,00 (con soggiorno)
Pacchetto solo trattamenti € 125,00
Trattamenti:

  • Scrub corpo con fango vellutato
  • Bagno rilassante in acqua termale + massaggio 30’
  • Maschera e sauna facciale alle erbe aromatiche
    + massaggio viso collo e décolleté
 Speciale Coppia
1 notte € 130,00 (con soggiorno)
pacchetto solo trattamenti € 100,00
Trattamenti:

  • Sauna con oli essenziali
  • idromassaggio rilassante in acqua termale
  • scrub total body
  • massaggio rilassante 40
 (*) Soggiorno presso Albergo delle Terme.
Il prezzo del soggiorno si riferisce a persona con pernottamento e prima colazione. Supplemento camera singola € 15,00
 Speciale I presenti pacchetti sono validi fino al31.03.2016

 

Vacanze e Turismo a Castel San Pietro Terme
a due passi da Imola e Bologna

 csp5 Castel San Pietro TermeCastel San Pietro Terme, al confine tra Emilia e Romagna, città a forte vocazione turistico-termale che si trova ai piedi delle verdi colline bolognesi  sulla via Emilia.
 La Cittàslow

Nel 2005 è arrivata la certificazione a “Cittaslow“, grazie alla quale Castel San Pietro Terme è entrata nella “Rete internazionale delle Città del Buon Vivere” distinguendosi per l’elevata qualità della vita e per i tanti servizi a disposizione di cittadini e visitatori.

Sono proprio i visitatori a confermare che a Castel San Pietro Terme si vive meglio che altrove.

Un giudizio espresso da chi arriva in città per le cure termali, per giocare a golf, per disporre dell’attrezzato centro sportivo Casatorre, per pedalare in mountain bike o passeggiare e prendere il sole nel verde Parco Lungo Sillaro.

Sopra i segni dell’originale pianta romana e medievale, il centro storico presenta un bell’aspetto sei-settecentesco, caratterizzato dal tradizionale elemento del portico che ricorda moltissimo la vicina Bologna.

Il simbolo della città è il Cassero, costruito nel 1199, anno di fondazione del centro abitato, che ospita al suo interno un teatro recentemente ristrutturato.

Tra i monumenti più ammirati, nella piazza principale della città c’è il Santuario del Crocifisso, accanto al quale sorge il campanile che ospita un concerto di 55 campane, unico in tutta Europa.


Itinerario Castel San Pietro – Imola e Dintorni
Una gita tra le Rocche. 
Attraverso la via Emilia è facilmente raggiungibile Imola, dove si può visitare la
Rocca Sforzesca di Imola

Il fortilizio a pianta quadrata era circondato da un ampio fossato ancora visibile su tre lati, così come ancora visibili sono i due rivellini comunicanti con gli ingressi della rocca tramite ponti elevatoi.

Rocca di Dozza

Il percorso: La parte più significativa della residenza Campeggi-Malvezzi si trova al primo piano ed è costituita da una “sala maggiore” con una grande portafinestra che immette ai camminamenti di ronda delle cortine sud della rocca.

Nella sala attigua, arredata con tavolo rustico in noce, del XVI secolo e cassapanca dello stesso periodo è appeso il dipinto raffigurante la famiglia Campeggi (1633) opera di Lorenzo Pasinelli e, nella parete di fronte, il ritratto di Lorenzo Campeggi.

Si segnalano inoltre la “sala rossa”, con una grande specchiera dorata del XIX secolo,  e la contigua “camera di Pio VII”, che conserva l’arredamento del soggiorno dell’allora vescovo di Imola Barnaba Chiaramonti, prima dell’elezione a Pontefice, nel 1800, costituito da letto, e canterani del ‘600; vi si trova anche il quadro “Madonna con bambino” di Alessandro Tiarini, del ‘600.
A lato della “sala maggiore” è posta la “sala d’armi”, col soffitto decorato e un lampadario in ferro battuto, contenente armi d’epoca.

Continua la visita su Turismo imolese

 Itinerario Castel San Pietro Terme – BolognaUn passato glorioso lega la cittadina alla città metropolitana: Bologna, infatti, per difendere la propria pace ed autonomia, ordinò che in diversi punti del territorio fossero costruiti castelli fortificati. Fra questi, particolarmente importante, sia per la posizione geografica, che per gli eventi storici che la videro protagonista, fu appunto Castel San Pietro Terme.Castel San Pietro dista 20 minuti in auto da Bologna, ma è ben collegata anche con i bus e il treno.
Raggiungendo Bologna è d’obbligo una visita al centro storico, iniziando inizia dalla fontana del Nettuno, uno dei simboli della città, opera dello scultore fiammingo detto Giambologna. Prima di affacciarvi sullo splendido scenario diPiazza Maggiore, fate un salto indietro nella storia dell’antica Bononia, entrando in Sala Borsa. Quello che nell’Ottocento era il centro della vita economica, oggi è uno dei luoghi della cultura cittadina: con la sua ricca biblioteca multimediale, è diventata uno dei punti di aggregazione più frequentati dai bolognesi.

Dopo avere guardato all’inizio della storia, siete pronti per proseguire il vostro viaggio entrando in Piazza Maggiore, semplicemente “la piazza” per i bolognesi. Lasciatevi sedurre dagli ampi spazi, dalla vastità su cui si elevano alcuni degli edifici che ne raccontano la storia: Palazzo D’Accursio, sede del Comune in cui sono ospitate le Collezioni Comunali d’Arte. La basilica di San Petronio, che custodisce al suo interno la meridiana più grande del mondo. Non lasciate Piazza Maggiore senza avere fatto un piccolo gioco: sotto il voltone del Podestà, tra l’omonimo palazzo e Palazzo Re Enzo, c’è un telefono senza fili che vi aspetta. Provate a sussurrare qualcosa contro uno dei quattro angoli della volta, lo sentirà chi si trova nell’angolo opposto.
Il Viaggio continua…

Percorso Bologna-San Luca

Il porticato che collega Porta Saragozza al Santuario della Madonna di San Luca è il più lungo del mondo con i suoi 3,5 km. Costituito da 666 archi, ciascuno contrassegnato da un numero progressivo: i primi 306 collegano Porta Saragozza all’Arco del Meloncello mentre gli ultimi 360 sono quelli situati nel tratto collinare che va dal Meloncello al colle della Guardia. Questi ultimi sono intervallati da 15 cappellette che illustrano il mistero del rosario.
Il percorso parte da Piazza Maggiore, passando dalla Fontana del Nettuno prosegue sul percorso pedonale di via Massimo d’Azeglio e via de’ Carbonesi, scende in via Collegio di Spagna per arrivare in via Saragozza dove, dopo aver incontratoPorta Saragozza, percorre il lungo porticato che conduce all’Arco del Meloncello. Gli ultimi 360 archi per arrivare al Colle della Guardia si snodano su via San Luca e conducono al Santuario della Beata Vergine.

Tratto da Bolognawelcom.com

 

Il Cibo: l’arte e la cultura nei piatti

 

“basta la passione, molta attenzione e l’avvezzarsi precisi: poi scegliete sempre per materia prima roba della più fine, ché questa vi farà figurare” Pellegrino Artusi.

 

igpbolognaSiamo tra l’Emilia e la Romagna, in un’alchimia di sapori. Si gustano  i prodotti di eccellenza del territorio, contrassegnati dal marchio  D.O.P e IGP della Provincia: Grana Padano, Salamini Italiani alla Cacciatora, Patata di Bologna DOP , Gran Suino Padano (è una DOP transitoria), Squacquerone di Romagna, Asparago Verde di Altedo, Marrone di Castel del Rio , Mortadella Bologna, Pera dell’Emilia-Romagna, Pesca e Nettarina di Romagna, Cipolla di Medicina IGP (è una IGP transitoria). 

Tratto da provincia di bologna agricoltura

Inoltre Castel San Pietro vanta di alcune specialità locali: la braciola di castrato (da cui anche l’omonica “Sagra della Braciola”, Formaggi tipici di Castel San Pietro quali lo squaquerone, la casatella, la ricotta.

Il Miele evergine integrale ( da segnalare che proprio a Castel San Pietro Terme c’è l’Osservatorio Nazionale del Miele).

I vini DOC e IgT della zona bolognese che coi loro sapori e profumi accompagnano i piatti:

Albana di Romagna, Colli Bolognesi, Colli Bolognesi Classico Pignoletto, Colli di Imola, Reno, Sangiovese di Romagna (superiore), Trebbiano di Romagna, Romagna Albana Spumante, Bianco di Castelfranco Emilia, Rubicone, Sillaro o Bianco del Sillaro, Emilia o dell’Emilia.

I vini a Denominazione di Origine Controllata della provincia di Bologna sono controllati dalla provincia di Bologna. Tratto da www.cst.provincia.bologna.it