Terme di Brisighella

brisi1Terme di Brisighella
viale delle Terme,12
48013 Brisighella RA

tel 0546 81068

www.termedibrighella.it
infobrisighella@terme.org

 

  Print This Page Print This Page

 

Acque Termali: Salsobromoiodica e Solfurea

Terme convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale : ASL INAIL INPS

Sulla via che collega Faenza e Firenze, sui colli a poca distanza dalla via Emilia, il Borgo medioevale di Brisighella accoglie i turisti con ospitalità e tradizioni.

Un parco rigoglioso accoglie il Centro Termale di Brisighella, dove la Salute e la bellezza sono in armonia con la natura.
Due sorgenti termali fluiscono qui, alle Terme,  e sono un valido aiuto per i problemi che riguardano l’orecchio, il naso, la gola, ma anche l’apparato osteoarticolare e della pelle.

Anche i trattamenti benessere beneficiano dell’utilizzo delle acque, uniti alle competenze di operatori specializzati e offre una gamma di servizi tra cui  trattamenti dermatologici-estetici e trattamenti anti-age, trattamenti viso e massaggi per il corpo.

Soggiorni e Hotel
Hotel La Meridiana – Brisighella*** tel. 0546. 81590 www.lameridianahotel.it
Hotel Valverde – Brisighelle *** tel 0546.80166 www.hotelvalverde.it

Cure Termali in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale

 

brisi2

 

 

 

Pacchetti Benessere in promozione 

 

brisi3  

Visualizza i Pacchetti Benessere

 

Vacanze e Turismo a Brighella

 brisi4 Brisighella
Brisighella è un Comune collinare di 196 Kmq con 7.664 abitanti nella provincia di Ravenna a 12 km dalla Via Emilia con uscita autostrada a Faenza.Il suo centro storico è un antico borgo medievale incastonato nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, nell’ Appennino Tosco-Romagnolo, sulla linea ferroviaria Ravenna-Firenze.
Da non perdere a Brisighella
Arte, storia e architettura a Brisighella si fondono in maniera emozionante; il borgo è composto da un dedalo di antiche viuzze, tratti di cinta muraria, scale scolpite nel gesso.Vi domina l’antica Via del Borgo, una strada coperta del XII secolo, sopraelevata ed illuminata da mezzi archi di differente ampiezza, baluardo di difesa per la retrostante cittadella medievale. Famosa in virtù della sua architettura particolarissima, è nota come “Via degli Asini” per il ricovero che offriva agli animali dei birocciai che l’abitavano.A Brisighella, che ha dato i natali ad otto cardinali, gli edifici sacri sono numerosi: su tutti spicca la Pieve di S. Giovanni in Ottavo, (o Pieve del Thò), eretta attorno al quinto secolo e ricostruita in forma più ampia tra l’XI e il XII, all’ottavo miglio dell’antica via romana che da Faenza portava in Toscana.Sullo sfondo, i tre colli, La Rocca, la Torre dell’Orologio e la Basilica del Monticino, caratterizzano il paesaggio per cui Brisighella è famosa.

Per la sua posizione, tra l’Emilia Romagna e la Toscana, e i buoni collegamenti stradali, Brisighella è un ottimo punto di partenza per svariate escursioni.

Per un rapido itinerario, la meta ideale è Faenza, città delle ceramiche, che dista solo pochi chilometri. Anche Ravenna e Firenze non sono distanti e la strada che porta al capoluogo toscano, attraverso il Passo della Colla, offre uno spettacolo fra i più affascinanti dell’Appennino. Firenze e Faenza, non sono raggiungibili solo in auto, ma anche percorrendo la caratteristica via ferroviaria che le collega direttamente via treno.

 

Itinerari nella Natura:
PARCO REGIONALE DELLA VENA DEL GESSO
È la più spettacolare e importante peculiarità del nostro territorio, che si staglia nettamente all’orizzonte come una catena montuosa. Il Parco regionale della Vena del Gesso romagnola costituisce uno degli elementi geografici e geologici più caratteristici dell’Appennino Romagnolo.Fa parte di una formazione rocciosa chiamata “formazione gessoso-solfifera” (epoca Messiniana, datazione radiometrica: 6,5 – 5,5 milioni di anni fa) che si estende dal Piemonte alla Sicilia ma solo qui raggiunge affioramenti così notevoli.Museo Geologico all’aperto “Ex cava Monticino”Significativi sono i ritrovamenti fossili rinvenuti negli interstrati argillosi che comprendono varie decine di specie di vertebrati vissuti 5 milioni di anni fa. Il Parco è situato nell’area della Vena del Gesso Romagnola, presso il Santuario del Monticino distante poche decine di metri.Il recupero ambientale di questa ex cava, un tempo adibita all’estrazione del gesso, ha reso visibile e fruibile, attraverso una mirata sistemazione dei luoghi e numerosi pannelli didattici posti lungo un percorso predefinito, un tesoro geo-naturalistico che costituisce un sicuro riferimento per la comunità geologica internazionale.Questo particolarissimo museo all’aperto, inaugurato nella primavera del 2006, permette di osservare le splendide sezioni geologiche e gli affioramenti di roccia che l’attività estrattiva ha lasciato in eredità e che raccontano eventi di milioni di anni fa quando la catena montuosa degli Appennini emerse dal mare.I sentieri attrezzati consentono di avvicinare, in piena sicurezza, le diverse sezioni rocciose e di comprendere le trasformazioni avvenute nell’ambiente e nel paesaggio.tratto da www.brisighella.org

 

Il Cibo: l’arte e la cultura nei piatti

“basta la passione, molta attenzione e l’avvezzarsi precisi: poi scegliete sempre per materia prima roba della più fine, ché questa vi farà figurare” Pellegrino Artusi.

 

mappa igp 2013 ravennaPrincipe dei prodotti è “l’Olio di Brisighello”  DOP europeo.

Il formaggio conciato nelle grotte del gesso e la carne di Mora Romagnola (suino autoctono).

Si gustano poi i prodotti di eccellenza del territorio, contrassegnati dal marchio  D.O.P e IGP della Provincia di Ravenna : 
Formaggio di fossa di Sogliano , Olio Extra Vergine di oliva Colline di Romagna , Olio Extra Vergine di oliva di Brisighella , Patata di Bologna , Salamini italiani alla cacciatora , Squacquerone di Romagna , Marrone di Castel del Rio, Pere dell´Emilia-Romagna IGP, Pesca e Nettarina di Romagna IGP, Scalogno di Romagna IGP, Vitellone bianco dell´Appennino centrale IGP
 Tratto da Enogastronomia di Romagna

 

I vini DOC e IgT della zona ravennate che coi loro sapori e profumi accompagnano i piatti:

Albana di Romagna, Bosco Eliceo, Colli Bolognese, Colli Bolognesi Classico Pignoletto,  Colli di Imola, Colli di Faenza, Colli di Rimini, Sangiovese di Romagna , Cagnina di Romagna, Pgadebit di Romagna, Ravenna IGT, Rubicone, Trebbiano di Romagna, Sillaro igt.

I vini a Denominazione di Origine Controllata e IGP del territori, sono controllati e tutelati dalla provincia di Ravenna. Tratto da provincia di ravenna