la mia bimba soffre di mal d’orecchie

bimbainverno

La crenoterapia, cioè la cura con le acque e i mezzi termali, occupa un posto di rilievo nel campo delle affezioni otorinolaringoiatriche, specie nell’età pediatrica, ma anche in quella adulta e senile.
Le patologie del naso, della gola e dell’orecchio si presentano molte volte contemporaneamente pertanto questi organi si considerano come un unico distretto anatomico che prende il nome di “unità rino-faringo-tubarica”.

La tuba di Eustachio è una piccola struttura a forma canalare che mette in comunicazione la parte posteriore delle fosse nasali, detta rinofaringe, con la cavità media dell’orecchio. Ha tre funzioni fondamentali: garantisce gli scambi gassosi e pressori tra orecchio e rinofaringe; impedisce il passaggio delle infezioni; riveste con la produzione specifica di cellule anticorpali la mucosa.

Se questi meccanismi vengono meno, possono insorgere processi catarrali che causano una delle più frequenti malattie auricolari dell’infanzia, ma a volte anche dell’adulto, cioè l’otite media secretiva detta anche otite catarrale o catarro tubarico

Quando la malattia non è nella fase acuta, la terapia termale è particolarmente indicata ed efficace.

Le acque termali più consigliate sono le sulfuree e le salsobromoiodiche.
Le modalità di somministrazione delle acque termali tengono conto sia dei distretti anatomici interessati dalla patologia sia della possibilità di non creare effetti collaterali.

Per questo motivo le metodiche utilizzate in ambito termale prevedono:irrigazioni o docce nasali micronizzate, inalazioni a getto diretto individuali o in ambiente (polverizzazioni – nebulizzazioni), aerosol – humages.
Nei casi di sordità rinogena è utilizzata un tipo di cura che meglio arriva nel distretto tubarico: l’insufflazione endotimpanica e il politzer crenoterapico.
La prima è consigliata al paziente adulto perché necessita di un catetere (di plastica, monouso) che si posiziona nella cavità nasale, minimamente invasivo per cui occorre una certa collaborazione.
Nel bambino si preferisce di solito, il politzer crenoterapico.
Questa tecnica si basa sulla manovra di Politzer cioè a bocca e narice chiuse. Viene usata un’olivetta nasale che il medico appoggia alternativamente prima ad una narice e poi all’altra; attraverso un collegamento si permette al medicamento termale di raggiungere l’orifizio faringeo della tuba di Eustachio con azione mucolitica e di ginnastica della stessa.

Le cure termali durano, in genere, dodici giorni e sono garantite dal Servizio Sanitario Nazionale una volta all’anno. Possono essere ripetute a distanza di qualche mese.

Dr. Mario Bocchi
Specialista in Otorinolaringoiatria e Idrologia Medica
Terme di Salsomaggiore e Tabiano

Posted in salute e benessere dei bimbi | Commenti disabilitati su la mia bimba soffre di mal d’orecchie




Comments are Closed